Ragazzi del patronato Redentore e anziani di F.Santa Tecla: amici per la musica

  • Stampa

Per tutta l'estate gli anziani del centro servizi Fondazione Santa Tecla hanno ricevuto ogni settimana la più gradita delle visite.
Da metà giugno a metà settembre con la sola eccezione di agosto, ogni venerdì pomeriggio bambini e ragazzi del patronato Redentore della parrocchia del Duomo di Este sono venuti a giocare nel vasto giardino della Fondazione assieme ai loro animatori. A fine giochi, ogni venerdì verso le 15.30, si esibivano in canzoni e balletti per gli anziani, che li applaudivano e ammiravano attraverso la vetrata della sala polivalente.

giovani con gli anziani este

Venerdì 10 settenbre, ultimo venerdì delle attività di Patronato prima del primo giorno di scuola, il gran finale. E per l'occasione anche gli anziani, accompagnati dall'equipe educativa, hanno fatto un regalo ai bambini: per loro Angelo uno degli ospiti, ha letto una poesia scritta da Elisa Vanzetto, una delle ospiti, che esprime in rima la rabbia di tutti contro il Covid. Poi tutti assieme hanno cantato per i bambini e ragazzi “Volare” di Domenico Modugno: i piccoli applaudivano e tenevano il tempo a questa canzone che risale a quando giovani o ragazzi erano proprio gli anziani di oggi.

Guarda il video sulla nostra pagina Facebook: anziani e bambini cantano "Volare"

 

Fondazione Santa Tecla è stata partner dell'intero evento “Hotspot e-state in patronato” della parrocchia del Duomo, e con questa collabora anche per il progetto 4H dedicato agli adolescenti.E proprio il progetto 4H aveva regalato altre giornate speciali ai nostri anziani nel corso dell'estate.
Si tratta, del resto, di storie che da sempre s'intrecciano. Fondazione Santa Tecla è figlia della parrocchia del Duomo: la fondò, nel 1843, l'arciprete mons.Angelo Fontanarosa, e il legame, pur prendendo forme diverse, non è mai venuto meno.

NOTA - I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie. Approfondisci