bet365.co.uk

Visita pastorale: al vescovo Claudio abbiamo raccontato i valori di Fondazione Santa Tecla

visita pastorale vescovo
Sabato 4 maggio 2019 Fondazione Santa Tecla ha avuto la gioia e l'onore di accogliere il vescovo della nostra diocesi di Padova mons.Claudio Cipolla giunto in visita pastorale.
Il vescovo ha incontrato nella sala polivalente al piano terra anziani e famigliari e con loro ha sostato in preghiera.

Poi, su proposta della Fondazionem è salito ai piani per andare a visitare alcuni degli anziani più fragili, fermandosi al fianco di persone ammalate di sclerosi multipla, di alzheimer e di altre malattie; persone che magari riescono a muovere ormai solo gli occhi, persone dipendenti dagli altri per tutto.

"Il suo passaggio tra chi vive la sofferenza acuta - nota il presidente della Fondazione Santa Tecla Matteo Segafredo - è stato di consolazione per i familiari e di testimonianza per tutti noi del valore della vita anche nel momento di massima debolezza, e della vicinanza della Chiesa".

Mons.Cipolla, in conclusione, ha  anche brevemente incontrato il consiglio di amministrazione.


Ospiti anziani, i loro famigliari, i preziosissimi volontari, i dipendenti, e chi ha la responsabilità della gestione dell'ente: tutti i volti e i ruoli di Fondazione Santa Tecla erano presenti alla visita pastorale, tutti hanno rivolto al vescovo un breve saluto. La scelta di coinvolgerli è stata una naturale conseguenza dello stile partecipativo proprio della Fondazione, Tutti, per la propria parte, hanno presentato i valori che guidano l'operato quotidiano della Fondazione.

visita pastorale vescovo2

 A rappresentare l'Ulss 6 Euganea all'incontro c'era la direttrice dei servizi sociali Daniela Carraro.

Il presidente Segafredo:  umanità, passione, professionalità e tenerezza

“L’ averci inserito nel programma della sua visita pastorale – ha detto il presidente di Fondaziome Santa Tecla Matteo Segafredo rivolgendosi a mons. Cipolla - conferma e rafforza il legame di quest’Opera con la comunità cristiana di Este e costituisce motivo di grande gioia per tutti gli ospiti.
La storia del Centro Servizi, che ha le sue origini nella comunità parrocchiale del Duomo di Santa Tecla ed in Santa Maria delle Grazie, impegna tutti noi ad aver ben presente la finalità originaria dell’ 'onora il padre e la madre', declinandola con umanità, passione, professionalità e tenerezza e considerando gli standard assistenziali definiti dalle norme di oggi come una soglia minima per la nostra accoglienza.
L’ 'onorare” significa accogliere ed assistere le persone con un sentimento di riconoscenza per quello che gli anziani hanno fatto per le comunità del territorio, con la consapevolezza che loro costituiscono l’anello che lega le generazioni e che dà senso alle nostre comunità”.

Il presidente Segafredo ha anche ricordato di fronte al vescovo i numeri della Fondazione: accreditamento e autorizzazione regionali sibn per  190 posti letto per non autosufficienti, 18 per autosufficienti, 10 nella Sezione Alzheimer, 15 posti di centro diurno. I lavori in corso in questi mesi porteranno a poter accogliere 216 non autosufficienti , 10 auto sufficienti, 10 nella Sezione Alzheimer,  20 posti nel centro diurno. Già 170 sono i dipendenti.

Cristina Morato: il nostro lavoro, difficile ma appassionante

“Il nostro operato, non le nascondo, è difficile – ha detto l'operatrice Cristina Morato nel saluto al vescovo rivolto a nome dei dipendenti- perché quotidianamente incontriamo persone che stanno attraversando una fase delicata della vita, sperimentando la loro fragilità e spesso la sofferenza legata alla malattia. Questo tocca continuamente le nostre emozioni e la nostra interiorità .
Ci confrontiamo ogni giorno con il limite della condizione umana ma anche con la vivacità, il dinamismo, la creatività e l’originalità di anziani che hanno ancora molta voglia di raccontarsi e di essere protagonisti attivi del loro vivere quotidiano. Abbiamo l’opportunità di conoscere storie, vissuti, esperienze di persone che sono depositarie di quel passato in cui si radicano valori e tradizioni di cui noi stessi siamo figli ed è anche questo che rende il nostro lavoro unico e appassionante”.

"Noi anziani la consideriamo come un padre"

“Caro nostro Vescovo  -ha esordito Maria Destro, parlando a nome degli ospiti . benvenuto tra noi anziani che stiamo compiendo in Santa Tecla l’ultimo tratto della nostra vita.(...) Siamo felici della sua visita perché la consideriamo come un padre.
Ci scusiamo con tutti, di fronte a lei, se qualche volta siamo sopraffatti dall’impazienza , ma spesso ci coglie la malinconia per la nostra condizione e la tristezza per i familiari che ci mancano.
Però confidiamo nell’aiuto delle sue preghiere e nel sorriso delle persone che ci assistono e accompagnano e di quelle che ci intrattengono con un po’ di svago”.

Annamaria Pavan: abbiamo ricevuto amore, riconoscenza, consapevolezza dei veri valori della vita

Qui abbiamo portato il nostro amore per il prossimo; e ne abbiamo ricevuto di più – ha raccontato Annamaria Pavan a nome dei Volontari Santa Tecla Este -
Abbiamo portato le nostre attenzioni e la nostra compagnia; ci siamo portati a casa sorrisi e riconoscenza.
A chi ha dato tanto nella vita volevamo ricambiare col nostro poco facendo compagnia, portando un sorriso, aiutando gli assistenti, ascoltando quella preghiera silenziosa che fanno sempre gli ospiti; abbiamo ricavato consapevolezza sui veri valori della vita.
(…) È nostra intenzione migliorarci e coinvolgere altri volontari per contribuire alla qualità di vita dei nostri amici ospiti in particolare di quelli dimenticati o che non hanno parenti”.


Lorena Baldo, del Comitato Famigliari: qui un'alta qualità del servizio

“Noi diamo voce – ha spiegato al vescovo la presidente del Comitato Famigliari Lorena Baldo- alle richieste, ai suggerimenti, a volte alle critiche che ci giungono dagli ospiti e o dai loro familiari. Attraverso la nostra partecipazione alle discussioni che riguardano alcune scelte della Fondazione, abbiamo compreso il grande lavoro organizzativo, svolto a monte per garantire una qualità del servizio assistenziale, di cura, ed educativo, che riteniamo per nostra diretta conoscenza di altissimo livello".

pm

 

Free and Full Templates

The best bonus by bet365 Ελλάδα 100% for new user.

NOTA - I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie. Approfondisci